FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: GIOVANNA DI VERNIERE
Scrivere / 30 luglio 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Di nuovo un’autrice ospite di Faccia a faccia con l’autore: Giovanna Di Verniere. L’ho intervistata per saperne di più su di lei, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerla meglio. Ciao Giovanna, è un piacere ospitarti nel mio blog. Tanto per rompere il ghiaccio, parlami un po’ di te. Ciao Filippo, molto volentieri. Sono una giovane art director (posso definirmi giovane a 29 anni?) e vivo a Milano, ma sono nata a Salerno e cresciuta a Lauria, in Basilicata. Creativa di professione, ma anche attrice per passione. Amo viaggiare, non riesco a star ferma nello stesso posto per più di due settimane. E, ovviamente, amo scrivere. Be’, cara Giovanna, parlando di età, se non sei giovane tu a 29 anni, io cosa sono, un catorcio? Cambiamo discorso, che è meglio. Piuttosto, parlami del tuo libro. “L’impazienza di Penelope” è un romanzo sentimentale, raccontato in prima persona, quasi come fosse un diario. E’ la storia di una ragazza che evita a tutti costi i legami, ma inconterà una persona che cambierà totalmente il suo modo di vedere l’amore.
 Lo stile è asciutto e intimistico; gli eventi sono narrati in modo lineare, con alcuni intermezzi che si distaccano dal racconto cronologico, per…

FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: GIANPIERO PISSO
Autori / 26 luglio 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Ospite di Faccia a faccia con l’autore, questa settimana è Gianpiero Pisso. L’ho intervistato per saperne di più su di lui, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerlo meglio. Ciao Gianpiero e benvenuto nel mio blog. Vorrei che mi parlassi un po’ di te, intanto.  Ma certo, è un piacere. Prima di tutto mi considero un lettore accanito, arrivato alla scrittura in tarda età, quando la mia carriera lavorativa era terminata. Prima non avevo tempo da dedicare a quella che da alcuni anni è diventata una forte passione, che assorbe buona parte del mio tempo libero. Per me scrivere è comunicare, trasferire sentimenti e poterli condividere con altre persone, i lettori appunto; stabilire con loro un ponte da percorrere nei due sensi, perché chi non sa confrontarsi con i fruitori delle proprie opere è come un eremita avulso dal tempo. Confrontarsi significa anche ricevere ed accettare critiche, perché aiutano lo scrittore a crescere e a migliorare il prossimo romanzo. Il tutto con molta umiltà e naturalezza.

PUBBLICARE: TUTTA FORTUNA?
Riflessioni / 22 luglio 2017

BE’, DIPENDE… Domandarsi se pubblicare é tutta fortuna, è facile. Il difficile è rispondersi. Se dovessi farlo razionalmente, direi un sì spudorato, condito con qualche goccia acida di rabbia e amarezza: nel mondo dell’editoria odierno, così inquinato, effimero, così antifunzionale, è facile pensare che chi arriva a un’importante pubblicazione ci sia riuscito solo perché baciato dalla fortuna. E stop. Ma se mi metto a ragionare col cuore, le cose cambiano: mi rendo conto che la fortuna è essenziale, ma nella stessa misura in cui lo è negli altri aspetti della vita. Perciò non può ridursi tutto a questo. Ci vuole anche il talento. Non possiamo attaccarci alla solita, banale, retorica dello scrittore fortunato e basta.

FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: MATTEO ZANINI
Autori / 19 luglio 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Ospite di Faccia a faccia con l’autore, questa settimana è Matteo Zanini. L’ho intervistato per saperne di più su di lui, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerlo meglio. Ciao Matteo, è un piacere averti qui. Inizia parlandomi un po’ di te. Ciao a tutti! Sono Matteo Zanini, classe 1990, nato sotto il segno dei Pesci e la protezione di Nettuno. Se sto rispondendo a queste domande è perché porto con me, ogni giorno, un grande sogno: quello di poter emozionare con le mie parole. La scrittura, per ora, non è la mia sola attività: lavoro come segretario in una Clinica Veterinaria e come copywriter per eventi e spettacoli. Sono laureato in Lettere e Comunicazione, amo la letteratura classica inglese, e coltivo la passione per la cucina. Se dovessi scegliere una citazione che mi descriva, opterei per: “Non so cosa significhi amare la gente a metà. I miei affetti sono sempre eccessivi”, tratta da ‘L’Abbazia di Northanger’ di Jane Austen.

LA REVISIONE DEL TESTO: TRUCCHI E CONSIGLI
Consigli / 15 luglio 2017

UN PASSAGGIO DELICATO… La revisione del testo è qualcosa di assolutamente indispensabile. Abbiamo passato mesi (anni?) a buttar giù il nostro romanzo, e adesso finalmente lo abbiamo terminato; possiamo tirare un sospiro di sollievo, ma… senza esagerare. Giusto uno. Perché siamo appena a metà della strada. E’ vero, il grosso è fatto, ma ora viene la parte più difficile e complessa, quella che solitamente mette a dura prova scrittori di ogni calibro. Revisionare il proprio testo può sembrare un gioco da ragazzi (E che ci vuole? L’ho scritto io, saprò come correggerlo, no?), ma in realtà rappresenta una fase molto delicata della nostra corsa alla pubblicazione.

FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: ANTONELLA LA FRAZIA
Autori , Scrivere / 12 luglio 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Di nuovo un’autrice ospite di Faccia a faccia con l’autore: Antonella La Frazia. L’ho intervistata per saperne di più su di lei, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerla meglio. Ciao Antonella e benvenuta. Cominciamo come di consueto: parlami un po’ di te. Ciao Filippo, dunque, sono nata 51 anni fa, in Puglia, a San Giovanni Rotondo (FG), per poi trasferirmi, ancora piccola, in Campania e più precisamente a Montella (AV). Là, ho frequento le scuole dell’obbligo. Già alle elementari adoravo molto scrivere e leggere poesie. Devo dire che la mia insegnante ha avuto un ruolo importante nella mia formazione, essendo amante della poesia, e organizzando spesso recite scolastiche con poesie molto impegnate di grandi autori. Così ho conosciuto Montale, Ungaretti, Quasimodo, Dante Alighieri…

IL CUCCIOLO
I miei racconti / 9 luglio 2017

E’ già più di un quarto d’ora che sono chiuso qua dentro. Il tempo scorre lento, e la poca luce che filtra dalla grata indica l’arrivo del tramonto. Dannazione! Eppure Cristina me l’ha ripetuto mille volte che la porta della cantina era difettosa e andava sistemata al più presto. E io come le rispondevo? Certo, certo, domani. Domani. L’ho detto anche poco fa, prima di rimanerci chiuso dentro. Ho provato ad aiutarmi con utensili vari, ma non è servito a niente. Sembra proprio che la maledetta serratura abbia deciso di collassare questa stessa sera. In ogni modo, la situazione non é così grave; basterà aspettare mia moglie al rientro dal lavoro, verso le sette. Una cosa é certa: non scenderò mai più qua sotto a prendere le scorte di birra, e la maledetta porta l’abbatterò io stesso, per sostituirla con una nuova. Al diavolo tutto. Sento Fiocco strusciarsi amorevolmente alla gamba. Il pelo grigio risplende in modo innaturale al chiarore della sera. Probabilmente il gattino dev’essere sceso con me prima che la porta si richiudesse inaspettatamente alle nostre spalle. Così, eccoci entrambi prigionieri di queste quattro mura scrostate e annerite dagli anni. Respiro aria umida e marcia, compressa in un’area…

MA I GRANDI EDITORI PUBBLICANO ESORDIENTI?
Riflessioni / 8 luglio 2017

SCUSATE LO SFOGO… Chiedersi se i grandi editori pubblicano esordienti, e un po’ come domandarsi se domani pioverà. Il meteo in TV dice di sì, ma poi finisce per non accadere niente, o al massimo arrivano due gocce. Eppure è una domanda che mi sono posto spesso, e alla quale non sono ancora riuscito a dare una risposta. L’anno scorso, durante una delle mie innumerevoli scorribande sul forum del Writer’s Dream  (a proposito, vi consiglio di farci un salto, e se qualcuno ancora non lo conosce è invitato a fare immediatamente pubblica ammenda), mi imbattei in una discussione assai interessante. Si parlava, naturalmente, di pubblicazioni e manoscritti inediti. C’era l’editor di una grande casa editrice che sosteneva che molti autori non sanno scrivere, ed è per questo che non vengono pubblicati. A testimonianza della sua buona fede, comunicava agli utenti inferociti, che la sua casa editrice aveva da poco messo sotto contratto un ragazzo di sedici anni (sconosciuto), perché meritevole.

FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: ROBERTO OTTONELLI
Autori / 5 luglio 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Il sesto scrittore di Faccia a faccia con l’autore, è Roberto Ottonelli. L’ho intervistato per saperne di più su di lui, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerlo meglio. Ciao Roberto, è un piacere averti qui, oggi. Vuoi cominciare parlando un po’ di te? Ciao Filippo, il piacere é mio! Dunque, sono Roberto, ho quasi 40 anni e vivo a Milano. Una carta da qualche parte dice che sono ragioniere programmatore, anche se non è che mi ci senta tanto. Lavoro in un’azienda di telecomunicazioni come network engineer, ma un momento saliente nella mia vita è stato il servizio civile, che ho svolto presso la Lega Tumori. E’ stato lì che mi sono “accorto” dell’esistenza degli altri, intesi come persone in un momento di difficoltà, che non finivano mai di ringraziarmi, mentre mi rendevo conto di essere io a ricevere più di quanto dessi. E’ così che, finito il periodo d’obbligo, mi sono dedicato, per oltre una decina d’anni, a varie forme di volontariato a contatto con minori in difficoltà, presso comunità residenziali di diverso tipo, e collaborando a diversi progetti educativi, tra i quali l’insegnamento di italiano ai bambini stranieri. Da lì, il passo è stato…

SETTE TRUCCHI DA SCRITTORE
Consigli / 1 luglio 2017

  LA MAGIA DI SCRIVERE BENE Dopo i primi sei consigli per scrivere bene, e i successivi otto, parliamo oggi di sette trucchi da scrittore. Accortezze che ritengo assolutamente fondamentali: Imparare a cancellare. Spezzare il brano. Fare attenzione alle frasi in forma negativa. Usare termini specifici. Limitiare le citazioni. Evitare pronomi possessivi. Rispettare la Consecutio temporum. IMPARARE A CANCELLARE Prima impariamo che non siamo infallibili, meglio sarà. Quel che scriviamo non è oro che luccica, ma idee, pensieri, stati d’animo, emozioni che a volte vengono espressi nella giusta forma, e a volte no.