FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: ALASKA HOPKINS
Autori / 30 agosto 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Ospite di Faccia a faccia con l’autore, questa settimana é Alaska Hopkins. L’ho intervistata per saperne di più su di lei, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerla meglio. Ciao Alaska e benvenuta nel mio blog. Vuoi raccontarci un po’ di te? Ciao a tutti. Ma certo. Sono soprattutto una mamma che, di quando in quando, sveste questi panni per indossare quelli di scrittrice, lettrice compulsiva, giardiniera, amante delle camminate all’aria aperta in compagnia del mio bulldog francese. Adoro il cucito creativo, ma ancor di più adoro guardare la ristrutturazione delle case su Fine Living. Le case e i loro arredi, soprattutto country e shabby, sono la mia passione. Volevo fare l’arredatrice, ma i miei hanno deciso che dovevo essere una ragioniera.

SI LEGGE SOLO IN VACANZA?
Riflessioni / 26 agosto 2017

BELLA DOMANDA… In questi rilassanti giorni di ferie, mi sto giusto chiedendo se si legge solo in vacanza. La domanda é doverosa, visto che mi guardo intorno e, a dispetto di chi giudica gli italiani un popolo di mancati lettori, vedo un sacco di gente con un libro sottobraccio. Almeno uno su tre. Certo, sottobraccio non è una grande garanzia, ma di sicuro è una buona premessa; ci sono discrete probabilità che prima della fine venga aperto e sfogliato. E magari letto. Mi sono dedicato a questa simpatica osservazione per diversi giorni, ed effettivamente ho notato molte persone intente a maneggiare libri, molte di più a leggerli per davvero. La cosa, lo ammetto, mi ha molto rasserenato. Perché forse c’è ancora speranza.

FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: SARA VALIERI
Autori / 23 agosto 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Ospite di Faccia a faccia con l’autore, questa settimana é Sara Valieri. L’ho intervistata per saperne di più su di lei, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerla meglio. Ciao Sara, sei la benvenuta nel mio blog. Parlami un po’ di te. Eccomi qua. Sono nata nel Settantasette a Villafranca di Verona, dove vivo tuttora con marito e figlio. Ho un curriculum vitae vario, seguito a una laurea in Scienze Politiche. Da quanto ricordo, ho sempre amato cimentarmi nella scrittura e, onestamente, non so perché non ho mai considerato questa passione nelle scelte che hanno segnato la mia formazione. Sono sempre stata “quella brava in italiano” e al liceo linguistico – scelto per assecondare il pragmatismo veneto che vuole un percorso di studi “che garantisca un lavoro” – ero diventata “quella brava solo in italiano”. Quello che so, è che la mia formazione (soprattutto universitaria a impronta socio-politica), e le mie esperienze lavorative poliedriche, mi hanno portato a essere ciò che sono e scrivere ciò che scrivo, e per adesso mi sta bene così.

ANCORA E PER SEMPRE
Spazio libero Autori / 21 agosto 2017

  di Romina Quarena.   Svegliarmi presto non è mai stato semplice, mia madre passava quarti d’ora a chiamarmi durante il periodo scolastico, la sua voce risuona dolcemente nei miei ricordi: << Sam! Alzati, è tardi !!>>. Ricordo che ripeteva quella frase un’infinità di volte, e che poi mi alzavo solo per l’esasperazione. Non è mai stato il mio forte obbedire e stare alle regole, ho sempre amato trasgredire e vivere sopra le righe. Mi sono laureato in chimica 6 anni fa e, solo grazie al mio grande amico Angelo, lavoro in collaborazione con la polizia di stato, in un laboratorio, controlliamo ed esaminiamo prove e indizi di reati per il tribunale. Non amo quello che faccio, ma piuttosto adoro la musica, quello che scrivo e che poi canto. Stamane sono in ritardo per l’ennesima volta e la voce di mia mamma, ha smesso di svegliarmi circa 3 anni fa, quando una malattia ha deciso che potevo tranquillamente farne a meno. Mi infilo jeans e camicia e scheggio giù per le scale. L’ambiente del laboratorio è carino, ma sono tutti fanatici e paladini della giustizia, niente di male per carità,ma a volte tutto ciò mi pesa. Parcheggio alla bene e…

FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: MICHELA BELOTTI
Autori / 19 agosto 2017

  LARGO AGLI ESORDIENTI  Ospite di Faccia a faccia con l’autore, questa settimana é Michela Belotti. L’ho intervistata per saperne di più su di lei, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerla meglio. Ciao Michela, e benvenuta in questo blog. Raccontaci chi sei e cosa fai. Mi chiamo Michela, ho 33 anni, vivo ad Almenno San Bartolomeo in provincia di Bergamo con un marito, una figlia di due anni, due conigli e un gatto. Sono diplomata Ragioniera e contabile in un’azienda. In realtà sono sempre stata portata maggiormente per le materie umanistiche. Sin da piccolissima, anziché frequentare l’asilo, bazzicavo quasi tutto il giorno nella biblioteca comunale del mio paese. Sono cresciuta tra favole di Esopo, poemi omerici e Stephen King. Da adolescente mi sono avvicinata al giornalismo grazie alle letture divorate di Oriana Fallaci e Indro Montanelli. Per un periodo ho scritto articoli di vario genere per piccoli giornali indipendenti della zona. Un’altra mia grande passione da sempre è il cinema. Chiamarla passione forse è riduttivo, direi più mania. Di recente mi sono riavvicinata alla scrittura e per la prima volta mi sono dedicata alla stesura di un romanzo.

DUE CHIACCHIERE SUL MIO NUOVO LIBRO
I miei libri / 16 agosto 2017

O ANCHE MENO, SE VOLETE… Proprio in questi giorni riflettevo su come vi abbia assillato riguardo l’uscita del mio nuovo romanzo (ehm, ve l’ho detto che esce il 5 settembre, vero?), senza però avervene mai parlato per davvero. Ecco perché ho scelto di fare due chiacchiere sul mio nuovo libro: per rimediare. O nel peggiore dei casi, per annoiarvi ancora un po’, anche se preferisco sperare di farvi passare cinque minuti piacevoli in compagnia di un post rilassante e senza tante pretese. Dunque vado a cominciare.

BUONE VACANZE E… GRAZIE!
Comunicazioni / 12 agosto 2017

AL MARE O IN MONTAGNA… … ovunque voi siate, buone vacanze. Le mie stanno appena cominciando, dopo un anno molto impegnativo, e non credo di esagerare confessando che ne avevo davvero bisogno, come molti di voi, immagino. Con questo breve post intendo solo augurarvi buone ferie, con la speranza di ritrovarvi più in forma e ottimisti di sempre, a settembre. Staccare la spina, anche solo per una settimana, servirà a rigenerarci e farci ricominciare con una spinta nuova. Da parte mia, mare e montagna mi stanno gà aspettando. Non mi risparmierò alcunché, perdinci. E adesso che ho eseguito le dovute formalità, veniamo alla parte più importante.

FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: SELENE LUISE
Autori / 9 agosto 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Ospite di Faccia a faccia con l’autore, questa settimana é Selene Luise. L’ho intervistata per saperne di più su di lei, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerla meglio. Ciao Selene, sono felice di averti come ospite nel mio blog. Dimmi un po’ di te, intanto.  Ciao Filippo, con piacere! Paradossalmente mi è un po’ difficile parlare di me, anche perché a venticinque anni non c’è molto da dire. Sono una studentessa universitaria prossima alla laurea in Giurisprudenza, con una grande passione per la letteratura fin dall’infanzia. Leggo libri di ogni genere, che poi recensisco nelle rubriche che curo su LAME DI LUCE (su scritto.io) e SELENE RECENSISCE (su poeisiafemminilesingolare). Quando posso, partecipo agli eventi letterari della mia città. Il mio genere preferito è il thriller psicologico, poiché lo ritengo quello più vicino alla vita. Il più adatto per capire e raccontare l’uomo e il mondo in cui vive e agisce. Ho cominciato a scrivere a ventun anni e mi dedico principalmente al romanzo, ma ogni tanto, quando mi vengono degli “attimi di folgorazione” mi diverto a comporre delle poesiole, che chiamo “carmìni”. Fino a oggia ne ho scritti circa una ventina, di cui una pubblicata su…

QUANDO TI SCRIVE L’EDITORE
Editoria / 5 agosto 2017

COSA ASPETTARSI? Quando ti scrive l’editore è sempre una bella emozione. Ricevere una mail o una lettera (se ancora esistono) da parte di una casa editrice, scatena una tempesta di sensazioni, accompagnata da mille interrogativi. Ci sono svariati motivi per cui l’editore può scriverci. Può farlo per: Proporci una pubblicazione (in questo caso occhio, ne ho già parlato in un precedente post). Condividere aggiornamenti o informazioni, nel caso fossimo già autori della sua scuderia. Comunicarci il resoconto semestrale (o annuale) delle royalties. Invitarci a revisionare per l’ultima volta il file del romanzo che sta per essere pubblicato. La settimana scorsa, guarda un po’, mi ha scritto proprio per coinvolgermi in quest’ultima attività. Quando ho visto lampeggiare la mail firmata Delos Digital sono entrato un po’ in fibrillazione, lo ammetto, e mi sono precipitato a leggerla. Oltre al file del libro, che ho potuto sfogliare in anteprima come una madre carezza il piccolo appena nato, c’era l’invito all’ultima rilettura del testo, prima del “Visto si stampi”, che in questo caso non esiste, trattandosi di un ebook. Ma il senso non cambia. Prima di buttarmi anima e corpo nella missione, mi sono preso un paio di giorni di riflessione, pensando innanzitutto al blog. 

FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: MANUELA LEONESSA
Scrivere / 2 agosto 2017

LARGO AGLI ESORDIENTI Di nuovo un’autrice ospite di Faccia a faccia con l’autore: Manuela Leonessa. L’ho intervistata per saperne di più su di lei, le sue passioni, i suoi libri. Andiamo a conoscerla meglio. Ciao Manuela, sono molto contento di averti ospite nel mio blog. Parlami un po’ di te, intanto. Con molto piacere! Sono una psicologa che utilizza il tempo libero per scrivere. Come psicologa so che l’imitazione sta alla base dell’apprendimento (avete presente i neuroni a specchio?) come pure del progresso, così io imito. Vergognosamente imito, non so se anche con profitto, ma lo faccio in molti campi e non me ne pento quasi mai. A volte capita anche con l’abbigliamento. Non so, vedo una donna con un look intrigante per strada e decido che starebbe bene pure a me. Qualcuno dirà che è una prerogativa del tutto femminile, se così è, posso affermare che nel mio modo di leggere io sono assolutamente donna. Quando un libro mi entusiasma mi resta appiccicata addosso la voglia di scriverne uno uguale. Succede sempre, e l’entusiasmo diventa un’onda che mi travolge spingendomi a scrivere incipit. Ne ho scritti un mare, tutti arenati alla seconda pagina come barche nella bassa marea. Prima che questa…