FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: STEFANIA CAROTENUTO

6 settembre 2017

Stefania Carotenuto

LARGO AGLI ESORDIENTI

Ospite di Faccia a faccia con l’autore, questa settimana é Stefania Carotenuto.

L’ho intervistata per saperne di più su di lei, le sue passioni, i suoi libri.

Andiamo a conoscerla meglio.

Ciao Stefania, e benvenuta nel mio blog. Ti va di parlarmi un po’ di te?

Con molto piacere!
Brevemente: nella vita di tutti i giorni lavoro come impiegata commerciale in un’azienda privata, ma fuori dal lavoro ho tante passioni. Le più importanti sono la lettura e la scrittura.
 
Perfetto, veniamo subito al dunque, allora, e comincia a parlarci del tuo libro.
 
Volentieri.
Si intitola “Tante piccole bugie”.
E’ un romanzo dal messaggio polisemico, che vuole comunicare l’importanza di valori come l’onestà, la ricerca dell’amore vero, il rispetto per se stessi e per gli altri al di là di ogni compromesso, la denuncia nei confronti di una società corrotta e miope, nella quale però si possono ancora ritrovare barlumi di speranza, di semplicità e di altruismo. E’ un romanzo dei nostri tempi, attualissimo per le vicende che narra.

L’emigrazione dal sud al nord, la condizione della donna, l’omosessualità, il maschilismo, il problema del precariato. I temi sono importanti, ma il racconto non risulta stucchevole.

La formula del romanzo “quasi giallo” crea suspense e curiosità.

La descrizione dei luoghi è realistica, ma non particolarmente dettagliata e suggerisce, in maniera rapida, i profumi e i colori dei paesaggi narrati.

I personaggi sono ben costruiti nei loro tratti caratteriali e la narrazione è scandita da frasi brevi che rendono la lettura scorrevole e leggera.

 Mi hai incuriosito… ti va di fare un cenno sulla trama? 
 
Come no!
Fara e Anna, due amiche, vengono contattate da un’azienda di Renon. Il loro ingresso nel mondo del lavoro e nel nuovo paese è accompagnato dal bagaglio di speranze e incertezze, di esperienze e incontri.
Come riconoscere, allora, gli amici dai nemici? I sentimenti veri da quelli fasulli? La verità potrà prevalere sulla menzogna e sulle tante piccole bugie disseminate ora in buona, ora in cattiva fede?
Una sparizione tingera’ di giallo e di mistero la trama, rivelando, infine, la linea sottile, ma netta, che divide l’essere dall’apparire.
Solo un animo coraggioso potrà combattere contro la corruzione, per far luce su una realtà marcia e spietata.
 
Sicuramente un romanzo da leggere. E si riferisce a fatti o episodi della tua vita, che ti hanno colpita?
 
L’idea embrionale del libro nasce dalla mia esperienza personale, perché alcuni anni fa, dopo la laurea in lingue straniere, mi sono trasferita per motivi di lavoro.
Ma il libro non è autobiografico.
La mia esperienza mi ha dato uno spunto dal quale partire, per poi arricchire di fantasia la trama e  i personaggi.
 
E c’è un perché particolare sulla scelta del titolo?
 
Il titolo l’ho scelto sin da subito, e non ho voluto più abbandonarlo, perché la storia e i personaggi sono fortemente permeati dalla dicotomia verità/bugia che accompagna il testo dall’inizio fino alla sua conclusione.
 
Ho capito. Hai avuto bisogno di approfondimenti particolari, per scriverlo?
 
Non direi, tranne quelli relativi ad alcuni luoghi ,o descrizioni, dell’azienda in cui lavorano le protagoniste.
 
Per i personaggi ti sei ispirata a qualcuno di reale?
 
I personaggi sono nati, formati e trasformati, nella mia fantasia.
 
Quanto c’è, di te, nel tuo libro?
 
Quelli che mi conoscono, e hanno letto il romanzo, mi dicono che in esso vi è molto della mia anima.
 
E cosa ne pensi della situazione editoriale italiana?
 
L’editoria italiana, attualmente, credo sia un mare immenso in cui è estremamente difficile navigare.
 
Più facile annegare, dai retta a me. E le tue esperienze con l’editoria, per l’appunto?
 
Io sono stata fortunata perché ho incontrato, sulla mia rotta, la casa editrice Il Viandante, che non chiede contributi economici ai propri scrittori, e da spazio agli esordienti, supportandoli nei loro primi passi, senza trascurare il rapporto umano che, personalmente, considero importante.
 
Importante è dir poco. Con quale slogan ti rivolgeresti al pubblico, per convincerlo a comprare il tuo libro?
 
Se volete leggere un libro dalla storia avvincente e dal ritmo incalzante, che vi tenga incollati alle pagine fino alla fine, oltre che avere dei suggerimenti sui quali riflettere a lettura ultimata, allora “Tante piccole bugie” è il romanzo che fa per voi.
 
Benone. Vorrei che adesso lasciassi un un messaggio agli utenti del blog.
 
Agli utenti “scrittori” del blog direi: siate tenaci e perseveranti.
Il mio editore, Arturo Bernava, mi ripete sempre che ha deciso di pubblicare il mio libro per la qualità del testo e la mia caparbietà nel perseguire l’obiettivo.
 
Dove possiamo contattarti?
 
Su Facebook è disponbile la pagina del romanzo “Tante piccole bugie” dove è  possibile scrivermi e trovare anche il link per ordinare il libro, ma lo si può ordinare anche in libreria oppure sul sito della casa editrice “Il Viandante” https://edizioniilviandante.it/ordina-libro/
 E con questo, salutiamo Stefania Carotenuto, augurandole di continuare floridamente la sua carriera di scrittrice.

VI RICORDO…

… che chi fosse interessato a Faccia a faccia con l’autore, può contattarmi direttamente ciccando QUI.

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: