FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: MARCO CONTI

Marco Conti

LARGO AGLI ESORDIENTI

Ospite di “Faccia a faccia con l’autore”, oggi, é Marco Conti.

L’ho intervistato per saperne di più su di lui, le sue passioni, i suoi libri.

Andiamo a conoscerlo meglio.

Ciao Marco, e benvenuto nel mio blog. Parlami un po’ di te.

Ciao Filippo!

Dunque, ho 44 anni, sono sposato, ho due figli e da qualche giorno anche un cane. Si chiama Iago come Iago Falque…in casa mia si tifa Toro.

Lavoro come progettista e ho da sempre una grande passione: la scrittura.

Amo trascorrere il mio tempo libero con gli amici e la mia famiglia. Amo leggere, il mare e l’estate. Odio la gente falsa e ipocrita.

Sto imparando a cucinare e quando riesco mi guardo qualche film in inglese perché voglio migliorare la pronuncia e la comprensione…può sempre essere utile.

A proposito di film: adoro quelli di Woody Allen, ai quali mi sono anche ispirato per scrivere i miei romanzi, i miei racconti.

Ottimo, sei un uomo dalla mille risorse! Allora parlami dei tuoi libri, adesso.

Ho scritto “In equilibrio sopra la follia” ispirato da una frase di quella che ritengo la più bella canzone mai scritta da Vasco Rossi: “Sally”.

“La vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia”.

Se ci pensiamo bene, in questa frase c’è il bello, il drammatico ed il pazzesco della vita che viviamo tutti i giorni. E’ il mio primo libro.

Non ho ancora avuto il coraggio di pubblicarlo come e-book, quasi avessi paura di perderlo, non so spiegare le mie sensazioni, ma nutro un affetto profondo verso quella storia, che comunque un giorno pubblicherò.

“Aspettando l’alba” (diventato e-book a luglio 2017) contiene tratti della mia storia personale: gli amici, le avventure, il cortile della nonna dove ho giocato un’infanzia intera…mio padre.

Non ho dovuto creare nulla, è bastato ricordare.

Il protagonista è entrato nei miei luoghi, ha conosciuto la mia famiglia, i miei amici e ha preso la sua strada verso Roma e il successo , ma poi qualcosa è cambiato… non aggiungo altro…

“L’anima non si arrende” (diventato e-book a dicembre 2017) è la storia più ricca e complessa che ho scritto fino ad ora.

Il modo in cui ho creato i personaggio, l’ambientazione, il mistero che si cela dietro lo zio del protagonista Marco (scrittore di successo poi caduto in una profonda crisi sentimentale e interiore), ha una struttura e una trama che ho costruito e analizzato nei minimi dettagli arrivando a un risultato che spero sia buono.

Per la prima volta ho aggiunto un impegno economico facendo editare da Wolfebook il mio lavoro e il risultato a mio parere è buono: ci sono capitoli interattivi, lo stesso dicasi per le informazioni riguardo i miei libri, il mio blog, la mia persona.

Inoltre ho studiato l’immagine di copertina con un fotografo (Andrea Lanceni) che con tanta passione mi ha permesso di creare qualcosa che abbia un valore e un legame con la storia.

Fa piacere, quando un autore ci mette così tanta passione. E si riferisce a episodi della tua vita, che ti hanno colpito?

Il primo, come ho detto è ispirato a “Sally”, il secondo è nato per l’esigenza di mettermi a nudo, parlare di me e anche dei miei drammi personali, visti in chiave diversa, ma pur sempre legati al mio passato: parlando e descrivendo il padre del protagonista ho pensato ed ho parlato di mio padre, morto purtroppo troppo presto, lasciandomi una ferita che ancora brucia.

Il terzo è nato dopo aver letto il libro di uno scrittore che vende moltissimo (preferisco non fare nomi) e che amavo, ma che nel tempo e con la fama si è appiattito moltissimo dandomi l’impressione che scriva per accontentare l’editore, per un contratto e nulla più.

Questa cosa mi ha fatto riflettere: l’anima che uno scrittore mette in ciò che scrive si può arrendere? Si può spegnere?

Per sapere come la penso basta rileggere il titolo…

Per scrivere i tuoi libri hai avuto bisogno di approfondimenti particolari?

“L’anima non si arrende” è il primo dei tre, per il quale ho fatto delle ricerche.

Mi sono informato su alcuni luoghi caratteristici di Milano, sulla fiera di Sinigaglia, sui Navigli, ma anche riguardo alcune zone di Parigi e su Picasso perché anche lui avrà una piccola parte in questa storia.

Per i personaggi ti sei ispirato a qualcuno di reale, o sono frutto di fantasia?

In generale i personaggi nascono dalla mia fantasia, al massimo mi ispiro fisicamente a qualcuno, ma caratterialmente nascono da me, niente ispirazione.

In “Aspettando l’alba” come dicevo, il protagonista ha molto di me, di quello che sono e che sono stato.

Cosa ne pensi della situazione editoriale italiana?

Sinceramente non mi piace.

L’unico contatto con un editore, è stato negativo.

Non mi piace quando chiedono soldi per rifilarci un sacco di copie che dobbiamo poi vendere noi. Se credi davvero al valore di una persona, come editore devi anche essere disposto a investire secondo me.

Mi sembra un ottima strada quella degli e-book.

Quali sono le tue esperienze con l’editoria?

Una sola volta, ed è stata una pessima esperienza.

Tante belle parole e nulla di fatto.

E’ brutto speculare (loro hanno guadagnato almeno 1500 euro dal mio libro ed io zero…) sulle passioni delle persone, ancor più brutto prendere in giro chi si fida di te e ti mette in mano un pezzo della sua vita (perché un libro per me questo rappresenta).

Con quale slogan ti rivolgeresti al pubblico, per convincerlo ad acquistare il tuo libro?

Datemi un’opportunità, solo una.

Poi quando leggerete il mio nome, se vi avrò deluso, sarò il primo a dirvi: DIMENTICATEMI!!

Lascia un messaggio agli utenti del blog.

Portate sempre avanti le vostre passioni.

Non lasciate mai che l’anima si arrenda, scrivete col cuore e fatelo solo se siete davvero ispirati.

Dove possiamo contattarti?

Blog: marco scrive.wordpress.com.
Mail: marco scrive.contatti@gmail.com.
Facebook: www.facebook.com/lanimanonsiarrende.
Istagram : marcoscrive.
Twitter: @marcoscrivetwit.

E con questo, salutiamo Marco Conti, augurandogli di continuare floridamente la sua carriera di scrittore.

VI RICORDO…

… che chi fosse interessato a “Faccia a faccia con l’autore”, può contattarmi direttamente QUI.

 

Un pensiero riguardo “FACCIA A FACCIA CON L’AUTORE: MARCO CONTI

Lascia un commento