VI PRESENTO “QUATTRO MINUTI A MEZZANOTTE”

Quattro minuti a mezzanotte

 

UN NUOVO APPUNTAMENTO CON LA PAURA

 

Quattro minuti a mezzanotte è la terza pubblicazione targata Delos Digital, ed è nata per caso.

Qualche mese fa infatti, l’editore mi ha chiesto se avevo dei racconti da fargli leggere. Sorpreso dalla domanda (di solito sono io a pregare di essere letto), ho presentato sei o sette storie che avevo nel cassetto, qualcuna già edita in passato.

Di queste, quattro sono risultate interessanti, e in linea con la collana Horror Story.

Ecco quindi nascere l’antologia.

 

 

RACCONTI DEL BRIVIDO

 

Forse molti di voi non lo sanno, ma scrivere racconti non è facile.

Proprio perché si tratta perlopiù di storie brevi, dobbiamo essere abili a suscitare emozioni e creare situazioni nel minor numero di pagine possibili.

E questo non sempre succede. 

Personalmente adoro i libri di racconti, perché sprigionano un fascino tutto loro, diverso da quello di un romanzo, che ha altri pregi e difetti. 

In questa breve antologia, è la paura a farla da padrona.

Ogni storia nasce da un sentimento diverso, ma la direzione in cui tutto volge è, inevitabilmente, l’incubo.

Quando scrivo, penso sempre a situazioni normali, magari vissute in prima persona, e mi chiedo come possano trasformarsi in qualcosa di grottesco e surreale.

Se ci pensiamo bene, non è esattamente questo che in un certo senso ci spaventa in modo terribile? Vivere la vita di sempre, con gli stessi impegni e le stesse noie, per trovarsi d’improvviso catapultati in qualcosa di anomalo, che sfugge ai nostri concetti.

Ecco quindi il senso di Quattro minuti a mezzanotte.

 

UNA BREVE PANORAMICA

 

Come ho già ribadito, le storie sono quattro, e di seguito illustrerò alcune brevi caratteristiche di ognuna:

  • LA DONNA: questo racconto fu pubblicato nel 2010 sulla rivista letteraria Inchiostro, e affronta l’intramontabile tema dell’Uomo Nero e delle insidie che si nascondono sotto il letto di ogni bambino. Ho voluto creare una sorta di babau moderno e diverso dal classico a cui siamo abituati; il risultato è una storia dalle tinte cupe, che qualche volta è riuscita anche a disturbarmi il sonno.
  • CIÒ CHE VA FATTO: con questa invece ho partecipato l’estate scorsa al Gran Giallo di Cattolica; racconta cosa succede quando un sadico serial killer decide di uccidere la ragazza sbagliata, ignorando l’esistenza di una gemella squilibrata e pronta a tutto per vendicarla. Non sono riuscito a qualificarmi al concorso, ma ho ottenuto comunque riscontri più che validi, che mi hanno convinto a credere in questa opera.
  • IL CUCCIOLO: forse il racconto più vecchio di tutti, datato 1999, selezionato da Valerio Evangelisti e pubblicato da Fanucci. Quando lo scrissi avevo in mente la mia gattina Virgola, che oggi non c’è più, e che in quel momento rappresentava qualcosa di estremamente importante. Magari, leggendolo, vi chiederete come mi sia venuto in mente di dedicarle una storia simile, ma purtroppo non conosco altro modo per rendere omaggio a persone, cose o animali, se non quello di scrivere di loro. E renderli immortali.
  • SELFIE: una ghost story piuttosto anomala, che mischia ingredienti moderni e interattivi, alle paure più ancestrali che ci portiamo dentro. L’ho scritta pensando ai molti Youtuber di oggi, Influencer e blogger, e al modo a dir poco superficiale con cui concepiscono la vita e il successo. Una prova di coraggio condurrà il protagonista in una vecchia e immensa villa disabitata, per trascorrervi una notte documentata attimo per attimo su Instagram. Ma se entrare là dentro sarà cosa facile, uscirne non lo sarà altrettanto.

 

IN CONCLUSIONE

 

Quattro minuti a mezzanotte lo trovate in ebook, al prezzo di 1,99 euro.

Acquistabile su Delos Digital, Amazon, Kobo, Google Play e tutti i maggiori store online.

Come sempre, ovviamente, vi chiedo lo stesso favore:

se qualcuno di voi lo leggerà, fatemi il piacere di recensirlo sulla piattaforma che preferite.

Per voi si tratterà solo della scocciatura di un minuto, ma per me significherà tanto, tantissimo.

E ora, per chi avrà il coraggio di seguirmi, non resta altro che augurarvi …

buona lettura.

 

 

2 pensieri riguardo “VI PRESENTO “QUATTRO MINUTI A MEZZANOTTE”

  1. Non appena ho saputo della sua uscita, subito l’ho comprato. Sapevo che non avresti deluso. Dei quattro, amo “Ciò che va fatto”, che credo lo porterò ovunque nel cuore, e ho apprezzato tanto “La donna”, pensa che dopo averlo letto, ho tenuto la luce accesa per dormire, e non parlo di quella sul comodino…
    Traboccante di adrenalina, credo siano questi i termini adatti per descrivere la tua antologia. Hai la capacità di far toccare la paura vera e propria attraverso righe ricche di suspance.
    L’unica pecca, è che subito finisce. Io volevo altri mille racconti come questi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.