I MISTERI DI BORGOLADRO

 

Borgoladro

BENVENUTI A BORGOLADRO 

 

Benvenuti si fa per dire, perché Borgoladro è tutto tranne che un posto accogliente.

Abitato da pochi e bizzarri vecchi in pensione, saluterà l’arrivo dei due giovani protagonisti con un sorriso beffardo, che ben presto lascerà il posto a un ghigno agghiacciante.

In questo articolo non voglio ripetermi su ciò che in passato ho detto e scritto riguardo alla storia; chi volesse saperne di più è invitato a dare un’occhiata alla pagina ufficiale del libro, e a leggere questo bellissimo articolo del Corriere della sera, scritto da un giornalista d’eccezione… 🙂

Al contrario, vorrei raccontarvi quello che non sapete su questo libro, o che avete già dimenticato.

I misteri di Borgoladro è un romanzo che ha avuto una vita lunga e complicata, e qui cercherò di riassumere in breve le fasi più importanti della sua esistenza.

TITOLO

 

Ben tre titoli, tutti diversi.

Quando concepii l’idea di questo thriller, dodici anni fa, lo presentai al mondo come Il paese.

In seguito l’idea fu stravolta, e il romanzo che nacque dalle sue ceneri fu pubblicato con il titolo Ti guarderò morire, ebook distribuito dal marchio Delos Digital.

Dopo quasi due anni di vita esclusivamente in digitale, Newton Compton ne acquistò i diritti nel 2019, e il romanzo divenne finalmente I misteri di Borgoladro.

Speriamo sia finita qui.

 

STRUTTURA E TRAMA

 

I misteri di Borgoladro è nato la prima volta come breve racconto.

I personaggi erano gli stessi e la trama rispecchiava quella di adesso, ma senza il colpo di scena finale e lo scenario che inevitabilmente si apre alla fine. Il numero di pagine raggiungeva a malapena il centinaio e lo splatter abbondava in modo fin troppo eccessivo.

Il racconto tuttavia non vide mai la luce.

Nel 2016 lo rispolverai per trasformarlo in un romanzo ben più ambizioso, che stavolta sfiorava le cinquecento pagine. Sfoltii le scene cruente, costruii una trama nuova, accattivante e originale, che poco aveva a spartire con quella di oggi, e conscio delle sue potenzialità, l’affidai a Franco Forte per un editing approfondito.

Dalla sua analisi il romanzo ne uscì distrutto.

Impiegai altri sei mesi per immaginare una nuova trama e mettere in pratica tutti gli insegnamenti del mio maestro, prima di dare alla luce l’opera definitiva che sarebbe stata pubblicata da Delos Digital, e successivamente da Newton Compton.

 

PREMI LETTERARI

 

I misteri di Borgoladro non ha vinto alcun premio, ma prima del devastante editing di Franco Forte, quando il romanzo era ancora titolato Il paese, si era piazzato tra i primi trecento finalisti al torne Ioscrittore.

Che dire? Nonostante tutto quella storia mi piaceva molto, mi piace tuttora, e non è detto che prima o poi la riproponga al pubblico, nel modo giusto stavolta.

 

ESTRATTO

 

Vi lascio un breve estratto, in modo da darvi un assaggio di quello che troverete tra le pagine del libro.

“Con il cuore in gola aprì la porta, e quello che vide gli insegnò la differenza reale tra pensiero e azione, tra buoni e cattivi. Tra bene e male. A volte non era sufficiente difendersi e basta dai malvagi. A volte bisognava pensare come loro, imparare ad assomigliargli. Mai e poi mai scendere in fondo al baratro, altrimenti la croce d’oro che portava sul petto avrebbe perso di significato, ma almeno fare capolino all’interno, quello sì, per capire di cosa fosse fatto il male e trarne quel tanto da distillare un antidoto”.

 

CONCLUSIONI

 

In questo difficile periodo che ci vede tutti (o quasi) costretti tra le mura di casa, diamo spazio alla lettura.

Ecco perché invito coloro che ancora non l’hanno fatto, a leggere I misteri di Borgoladro.

Lo trovate disponibile sia in cartaceo che in ebook.

Magari riuscirà a regalarvi un brivido in più e qualche ora di sano svago, lontano dai problemi di questa complicata quarantena.

 

 

2 pensieri riguardo “I MISTERI DI BORGOLADRO

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.